Sui palchi italiani tornano U2, Ac/Dc ed Elton John

Fonte: “Libero News

I cd, si sa, non si vendono più. I contratti discografici hanno un valore infinitesimale rispetto a quelli di una decina di anni fa. E in televisione la musica vivacchia ai margini di reality-show più o meno di qualità. Una sola via d’uscita è rimasta, quindi, alle star delle sette note: i tour, i concerti dal vivo, le esibizioni in luoghi che, da soli, possono richiamare pubblico, vedi l’Arena di Verona. Ecco, quindi, un primo calendario degli appuntamenti del 2010.

Tra grandi ritorni (U2, Michael Bublè, Elton John, Ac/Dc e i nostri big Vasco Rossi, Claudio Baglioni e Ligabue), transiti acclamati di star per i più giovani (Tokyo Hotel, dal 25 marzo all’11 aprile a Torino, Roma e Milano, e poi i Muse e Mika), esibizioni inattese come quella di Kevin Kostner (chitarra al collo canterà – sic – con la sua Modern West Band, il 31 marzo al Teatro Smeraldo di Milano) e, soprattutto, riesumazioni di vecchi draghi. Alcuni dei quali ormai vicini alla pensione. Tra questi Bob Dylan, il 69enne Tambourine Man e gli Spandau Ballet, a Milano l’1 marzo.

Il ritorno più atteso è quello di Whitney Houston, fino a pochi mesi fa alle prese con una crisi personale (droga e depressione) che faceva temere il peggio. La bella Whitney, una delle voci più scintillanti del giro, si esibirà a Milano il 3 maggio (Forum) e, il giorno dopo, al PalaLottomatica di Roma.

Bizzarre le riapparizioni sul palco dei Madness (8 maggio al Forum) e dei Kiss, la rock-band nota negli anni ’70 per il look estremo, a Milano il 18 dello stesso mese. Rimette il naso il Italia pure Rod Stewart, ex icona-sexy ormai ultrasessantenne che ha scelto l’Arena di Verona per riproporre “Baby Jane” e le altre famose hit. Sir Elton John, di recente alle prese con guai fisici piuttosto seri, è annunciato all’Auditorium di Roma per due date (18 e 19 settembre). Al suo fianco ci sarà il percussionista Ray Cooper, compagno di viaggio sin dagli esordi. Gli Ac/Dc tornano in Italia con il loro Black Ice World Tour il 19 maggio allo Stadio Friuli di Udine. Si diceva di Bono & Co: saranno il 6 agosto a Torino e l’8 ottobre allo stadio Olimpico di Roma. Nella Capitale chiuderanno il loro 360/o tour, ovvero il tour più redditizio ma anche più costoso e faraonico del 2009. Mark Knopfler con il Get Lucky Tour sarà impegnato da maggio a luglio 2010 in 60 concerti in 20 Paesi europei.

Pizzicherrà la sua chitarra il 9 luglio a Piazzola sul Brenta, il 10 a Lucca, il 12 a Perugia e il 13 a Roma (Parco della Musica).

E gli italiani? Ligabue darà vita al PalaPanini di Modena, il 6 gennaio, al suo annuale incontro con i fans. Claudio Baglioni riprenderà il tour teatrale dedicato all’album QPGA domani al PalaAuditorium di Bologna.

Vasco Rossi rialzerà il sipario sul suo Europe Indoor il 5 febbraio al Forum di Milano dove rimarrà fino al 21 con tappe a Londra (4 maggio), Bruxelles (6), Zurigo (8), Berlino (12) e Barcellona (16). Infine una “chicca”: decenni dopo l’avventura di “Banana Republic” Lucio Dalla e Francesco De Gregori torneranno fianco a fianco su un palco: accadrà a Nonantola (Modena) il 22 gennaio.

Share

Annunci

Tendenze 2010

Fonte: “La Stampa

Tendenze 2010/dischi e concerti (da Sade a Dalla con De Gregori)
Le uscite e i tour di cui si sente parlare

DISCHI ITALIANI
Il 2010  si apre con un singolo di GIANLUCA GRIGNANI, “sei sempre stata mia”, che anticipa il disco “Romantico Rock Show” in uscita con la Sony il 2 febbraio.  VIBRAZIONI (come Grignani  ragazzi votati e discontinui) offrono dal 22 gennaio «Le strade del tempo». Usciranno i BAUSTELLE, dopo il successo di «Amen»; hanno scelto per il loro quinto disco di inediti il produttore Pat McCarthy, già con U2 e REM. Dovrebbe decidersi a tirar fuori degli inediti CLAUDIO BAGLIONI; lo farà di certo LUCIANO LIGABUE, e lo ha promesso per dopo Sanremo pure ENRICO RUGGERI; si sente parlare di un nuovo VENDITTI. Chi non si sente da un secolo vero sono due Franceschi, GUCCINI e DE GREGORI: sarà la volta buona, il 2010?
In compenso, De Gregori si esibirà con Dalla, in un non-remake di “Banana Republic”, il 22 di gennaio a Nonantola in un club piccolo e molto cool.

LIVE ITALIANI
Il primo annuncio è stato per la riunione dei LITFIBA, con Pelù e Renzulli in tour in aprile; viene annunciato in concerto pure NEFFA, mai abbastanza valutato. Riparte il tour nei palasport del re dei re, VASCO ROSSI: passerà il mese di febbraio al Forum di Milano, sarà a Torino in aprile, ed è anche il momento di una sua permanenza nelle capitali europee. ELISA parte da Conegliano il 6 aprile.

TOUR INTERNAZIONALI
Sarà ancora un anno ruggente: resta da vedere se qui (come ormai spesso accade in America), il costo dei biglietto terrà conto della crisi che non passa. Subito San Siro: ci passeranno in giugno LIGABUE, l”8 i MUSE e forse ROBBIE WILLIAMS, e va” a sapere se Vasco riuscirà ad astenersi.

MICHAEL BOLTON sarà il 20/1 a Milano e il 26 gli ARTIC MONKEYS. JOSS STONE il 6 a Padova, 7 Roma, 8 Milano. i KASABIAN il 18 febbraio da Milano e Bologna., il 19 le riunite HOLE di COURTNEY LOVE a Milano. SPANDAU BALLET debuttano l”1 marzo a Milano (2 Roma, 3 Firenze). I riuniti CRANBERRIES il 16 marzo a Milano. WHITNEY HOUSTON il 3 maggio a Milano e il 4 a Roma, AC/DC il 19 maggio a Udine, MICHAEL BUBLE’ il 22 maggio Verona, 23 Milano. MARK KNOPFLER il 9 luglio Padova, 10 Lucca e 13 Roma. ELTON JOHN CON RAY COPPER il 17/18 settembre a Milano e il 19/20 Roma. Gli U2 torneranno per 2 concerti, il 6 agosto a Torino e l”8 ottobre a Roma.

DISCHI INTERNAZIONALI
Dei VAMPIRE WEEKEND esce in gennaio «Contra»; SADE ritorna, dopo 10 anni di silenzio, l”8 febbraio con «Soldier of Love». Gli ARCADE FIRE annunciano il terzo album, e i discografici sperano vivamente nel terzo di AMY WINEHOUSE. Nuovo lavoro anche degli INTERPOL, mentre la band virtuale hip-hop dei GORILLAZ ci darà «Plastic Beach», terza produzione con la partecipazione di Snoop Dogg, Lou Reed, Mos Def, Barry Gibb (robe da matti). PETE TOWNSHEND sta scrivendo per il 2011 un musical, “Floss”, storia di un musicista da pub e delle liti con la moglie (nello stile di Tommy e Quadrophenia): in attesa, disco degli Who nel 2010, con alcune canzoni del musical.

DISCHI INTERNAZIONALI
In marzo esce «Slash&Friends», primo album solista di SLASH con Alice Cooper, Chris Cornell, Fergie, Kid Rock, Meat Loaf, Ozzy Osbourne, Dave Grohl. Senza più JOHN FRUSCIANTE, nuovamente uscito dal gruppo, i RED HOT CHILI PEPPER ricompariranno in ottobre. CHRISTINA AQUILERA (che fa con Lady Gaga la fine che Cindy Lauper fece all”arrivo di Madonna) cambia stile e prepara un disco elettro e synth pop con M.I.A., Santigold, Goldfrapp, La Tigre e Ladytron. Tutto questo, per ora: poi, vedremo…

Share

Un milione per l’Abruzzo

Fonte: “Ostia News

Il 21 aprile 2009 è stato un giorno importante per la musica italiana: cinquantasei grandi artisti si sono ritrovati agli studi Officine Meccaniche di Milano per registrare una canzone tutti insieme, «Domani 21/04.09 – Artisti uniti per l’Abruzzo». Lo scopo del progetto musicale era raccogliere fondi per sostenere gli interventi di ricostruzione, consolidamento e restauro del Conservatorio «Alfredo Casella» e della sede del Teatro Stabile d’Abruzzo dell’Aquila. Ebbene , a 8 mesi di stanza, «Domani 21/04.09» ha venduto oltre mezzo milione di copie con una previsione di incasso che supera il milione di euro. Entro la metà di febbraio sarà possibile effettuare i conteggi definitivi comprensivi dei dati Siae del primo semestre e il dato Siae generale verrà conguagliato a settembre del 2010. Il singolo termina la sua vita commerciale alla fine del mese di dicembre, verrà ritirato dai negozi e la vendita digitale sarà sospesa. L’operazione si concluderà simbolicamente il prossimo aprile a L’Aquila – a un anno dal terremoto – dove verrà organizzata una conferenza stampa e in questa occasione verranno pubblicamente nominati e ringraziati tutti coloro che hanno contribuito a titolo gratuito al grande successo di «Domani»: radio, tv, catene commerciali, aziende private e naturalmente tutti gli artisti che hanno partecipato. Lorenzo Jovanotti, Giuliano Sangiorgi e Mauro Pagani (anche autore della canzone e produttore artistico) sono gli ideatori del progetto, la produzione esecutiva è stata curata da Marco Sorrentino, la produzione discografica è della Sugar di Caterina Caselli e la distribuzione di Universal. Un ringraziamento particolare va alla Guardia di Finanza di Milano che ha sventato un attacco della pirateria on-line nelle fasi iniziali del progetto. I 56 artisti che hanno partecipato a ‘Domani 21.04.09′ sono: Afterhours, Claudio Baglioni, Franco Battiato, Baustelle, Samuele Bersani, Bluvertigo, Luca Carboni, Caparezza, Albano Carrisi, Caterina Caselli, Casino Royale, Carmen Consoli, Cesare Cremonini, Elio e le Storie Tese, Niccolò Fabi, Fabri Fibra, Giusy Ferreri, Tiziano Ferro, Eugenio Finardi, Frankie Hi Energy, Giorgia, Gianluca Grignani, J Ax, Jovanotti, Ligabue, Malika Ayane, Mango, Gianni Marracash, Morgan, Gianni Morandi, Gianna Nannini, Negramaro, Negrita, Nek Niccolò Agliardi, Pacifico, Mauro Pagani, Giuliano Palma, Laura Pausini, Roy Paci, Piero Pelù, Max Pezzali, Massimo Ranieri, Francesco Renga, Ron, Enrico Ruggeri, Antonella Ruggiero, Sud Sound System, Tricarico, Roberto Vecchioni, Antonello Venditti, Mario Venuti, Zucchero.

Share

Ecco i nomi dei 16 big partecipanti a Sanremo 2010

Fonte: “Comunicati-Stampa.net

I big scelti per Sanremo 2010 sono passati da 14 a 16 per via della qualita’ dei brani. Saranno in gara dal 16 al 20 Febbraio. Ecco gli altri nomi ammessi e qualche riflessione.

La commissione esaminatrice, guidata dalla conduttrice Antonella Clerici e dal direttore artistico Gianmarco Mazzi, ha annunciato ieri l’elenco completo degli “artisti” in gara, proponendo alla Rai la richiesta, peraltro accolta, di portare il numero dei partecipanti da 14 a 16, considerata l’originalità delle canzoni presentate.

‘Sono sorprendenti’, afferma Mazzi, ‘faranno parlare ed emozioneranno, abbiamo lavorato per portare sul palco del Festival alcune delle più belle espressioni della nuova musica italiana insieme ad artisti che hanno fatto la storia di questa manifestazione’.

Alcuni pronostici della vigilia sono stati rispettati. Irene Grandi si presenta con “La cometa di Halley” e per lei questa partecipazione potrebbe rappresentare l’occasione di prendersi una bella rivincita dopo l’esclusione determinata dalla commissione sanremese di due anni fa di “Bruci la città”, il suo singolo, guarda caso, più venduto.

Piaceranno ai più giovani gli artisti dei talent show: Marco Mengoni, che non ha ancora scelto il brano, visto che il posto a Sanremo gli tocca di diritto, Noemi con “Per tutta la vita” e Valerio Scanu con “Un attimo con te”.

A loro si aggiungono i Sonhora, con “Baby”, una ballata rock, un passo avanti rispetto alle sonorità pop del loro primo album, il bestseller “Liberi da sempre”.
Poi, Arisa, la rivelazione dell’anno scorso e Malika Ayane con un brano scritto da lei assieme a Pacifico “Ricomincio da qui.

Per il pubblico più tradizionale ci saranno il redivivo Toto Cotugno, Nino D’Angelo con “Jammo j…” uno ‘spot per il sud’.
Tra le sorprese, anche se la notizia era già circolata, la presenza del principe Emanuele Filiberto, in coppia con Pupo e al tenore Canonici, con una canzone, in cui reciterà, intitolata “Italia amore mio”.

C’è molta attesa per l’accoppiata inedita Nomadi/ Irene Fornaciari con “Il mondo piange”, scritta appositamente da Zucchero.
Per la canzone d’autore, ottime le presenze di Morgan, di Enrico Ruggeri e Simone Cristicchi con “Meno male”, nel quale ironizza su Carla Bruni.

Non mancheranno le polemiche, ed ecco rispuntare nuovamente Povia, che dopo “Luca era gay”, ci riprova a suscitare un po’ di polverone con una canzone dedicata alla drammatica vicenda di Eluana Englaro.

Esclusa invece Asia Argento, che puntava a partecipare con ”Mentre”, in coppia con Roberto Kunstler. Chi invece non si aspettava di entrare è Fabrizio Moro: ‘Non ci speravo più di tanto, non pensavo che avrebbero accettato la mia canzone’, afferma il vincitore nella sezione Giovani 2007 con il brano anti-mafia “Pensa” e terzo posto nella edizione del 2008. Il suo pezzo, ‘Non è una canzone’, è ‘uno sfogo per manifestare la voglia di riprenderci in mano la nostra vita, un inno alla libertà, una critica all’attuale sistema politico, economico, culturale e poetico’.

Tra i superospiti, si fa insistentemente il nome di Susan Boyle, la vocalist scozzese che ha trionfato nel reality “Britain’s got talent”, polverizzando i record di vendite con il suo cd “I dreamed a dream”. C’è chi vocifera sulla presenza di Michael Bublé, Sade (a febbraio 2010 pubblicherà, dopo anni di assenza dalle scene, il nuovo album, “Soldier of love”), Elisa, Claudio Baglioni, Gianna Nannini, Massimo Ranieri, Ligabue, Antonello Venditti e perfino Charles Aznavour.

Tra i giovani che aspirano a Sanremo, spiccano le presenze di Momo, del messinese Aldo D’Agostino, La Fame di Camilla, Manuel Auteri, Letizia Contadino, Studio 3, Eugenio Solla, vincitore dell’ultima edizione del “Premio Mia Martini”.

Link: www.chezmimi.it

Share

Miracolo Abruzzo, le star italiane ora cantano insieme

Fonte: “Il Secolo XIX

di Tiziana Leone

A scorrere la lista dei nomi si fa fatica a trovare gli assenti: 56 artisti della musica italiana hanno accettato l’invito di Mauro Pagani, Lorenzo Jovanotti e Giuliano Sangiorgi dei Negramaro per cantare tutti insieme, in un solo giorno, senza registrazioni a distanza con l’aiuto del computer, il brano “Domani”, per raccogliere fondi per l’Abruzzo. Una canzone che riesce a unire, incredibilmente, il rap di J Ax e Fabri Fibra agli acuti di Al Bano, il tono basso di Franco Battiato a quello alto di Piero Pelù. Senza barriere fra musica tradizionale e underground, i 56 artisti fra i quali Zucchero, Giorgia, Laura Pausini, Antonello Venditti, Claudio Baglioni, Ligabue, Gianna Nannini, Massimo Ranieri, Antonella Ruggiero, Eugenio Finardi, Gianni Morandi, Tiziano Ferro, Elisa, Carmen Consoli, Cesare Cremonini, Luca Carboni, si sono ritrovati tutti insieme, il 21 aprile, negli studi di registrazione milanesi di Pagani, autore del brano, per cantare quello che vuole essere un inno alla rinascita o, per dirla con Lorenzo Cherubini, «una bella storia che nasce dal dolore». Il brano s’intitola “Domani 21/04.2009”, giorno in cui gli artisti si sono riuniti per incidere, è in onda su tutte le radio da ieri notte alle 3.30, a un mese esatto dal sisma, negli store digitali arriverà venerdì, mentre il cd sarà nei negozi dal 15 maggio.

«Questo disco è un miracolo reso possibile dall’urgenza: le telefonate sono partite il venerdì e il martedì eravamo già tutti in studio a registrare, c’era praticamente l’arco costituzionale storico della musica italiana» sorride Jovanotti «così tanti artisti nello stesso posto non si erano mai visti, perché la prima regola è stata quella del dover esserci tutti. In quel giorno, persone che non si parlavano, si sono riviste dopo anni, sembrava quasi di essere alle assemblee di istituto scolastiche».

Ma non è stato facile per Pagani, Jovanotti e Giuliano Sangiorgi riuscire ad assegnare a ciascuno dei cantanti il loro pezzetto di brano. Solo le parti rap sono state scritte dagli stessi rapper. «A un certo punto» confessa Jovanotti «avevamo più parole che cantanti». Ma nessuna bizza, nessuna scena da prima donna, tutti gli artisti si sono messi in fila, a ciascuno il proprio turno, a chi una frase, a chi soltanto una parola. «È la dimostrazione di quanto ciascuno sia stato disponibile» aggiunge Pagani «abbiamo cercato di far cantare a ciascuno non più di cinque righe, ma a qualcuno ne sono andate di più, ad altri appena qualche parola». I soldi del ricavato serviranno per ricostruire il Conservatorio Alfredo Casella e la sede del teatro Stabile d’Abruzzo dell’Aquila. «Tutti, dai cantanti, ai musicisti, ai produttori, ai montatori, agli uffici stampa hanno lavorato a titolo completamente gratuito» ricorda Jovanotti «la discografia ha lavorato più per questa canzone di quando fanno i propri album. A volte la beneficenza legittima l’incuria, ma proprio perché chiediamo denaro al pubblico era necessario che questa fosse una gran bella canzone. Abbiamo curato ogni cosa nei minimi dettagli. Il nostro obiettivo è quello di riuscire a vendere un milione di copie: è una sfida che lancio, sarebbe un bel segnale».

Questa canzone sarà solo l’inizio di un impegno che dovrà durare nel tempo, «perché dopo 30 anni» ricorda Pagani «c’è ancora gente che vive nei container». Al disco seguirà un libro fotografico, con gli scatti realizzati durante la registrazione del brano, mentre lo scrittore Paolo Giordano è già al lavoro per trarre un racconto da quella storica giornata. «Di concerti per ora non ne prevediamo, magari in un prossimo futuro» ricorda Lorenzo. «La nostra è una cosa piccola, ma capace di produrre effetti» conclude Sangiorgi.

tizianaleone@hotmail.com

Share