Baglioni, feste in concertopera

Fonte: “Il Messaggero

Da sabato 5 date all’Auditorium di Roma

di Marco Molendini

Claudio Baglioni (foto Farneti - Lapresse)

Claudio Baglioni (foto Farneti - Lapresse)

ROMA (26 dicembre) – L’idea è doppiamente insolita. Vedere un pop idol nazionale come Baglioni nelle dimensioni ridotte di un auditorium e ascoltarlo alle prese con una sorta di mega suite, quasi tre ore di musica, in cui il cantautore romano rivisita il suo primo, grande successo. Un concertopera (così l’ha battezzato l’autore) intitolato QPGA, acronimo di Questo piccolo grande amore, che è l’ultima tappa di una teatralogia che ha visto Baglioni impegnato negli ultimi tempi a sfidare insieme la memoria, il passato e, perfino, un certo fastidio provato spesso nei confronti della sua canzone più celebrata.

Uscito il film, uscito il libro, fatta una prima ricognizione live, adesso Claudio si è rimesso in pista sulla scia di un disco che raccoglie tutte le pagine di quel lontano conceptalbum, rinforzate da nuovi materiali compositivi e dall’intervento di ben 70 firme del made in Italy canoro, personaggi come Mina, Fossati, Morandi, Ornella Vanoni, Arbore, Laura Pausini, Giorgia, Venditti, Jovanotti, Bocelli, Morricone, Battiato, ma anche ospiti eccellenti come Fiorello e altri presi in prestito dal mondo del jazz come Paolo Fresu, Stefano Di Battista, Danilo Rea, Stefano Bollani.

Un’operazione extralarge che, altro fatto insolito, da sabato prossimo, sarà per cinque sere nella Sala Santa Cecilia dell’Auditorium: periodo, questo, generalmente poco propizio ai tour pop e che Baglioni ha scelto di sfatare. Il tour ha già avuto un suo rodaggio, ha debuttato a inizio dicembre a Milano, ha toccato altre città e ora sbarca a Roma con la sua carovana mostruosa dove la scena spoglia senza ricorrere a tante tecnologie si focalizza sulla presenza di un megaschermo centrale su cui scorrono le immagini (alcune tratte dal film a formare una sorta di clip-movie inedito con la regia di Duccio Forzano) ma dove si alternano anche i numerosi ospiti chiamati a fare da collegamento fra i vari temi dell’opera. I musicisti, guidati dal fidato Paolo Gianolio alle chitarre, sono a loro volta seduti dietro altri schermi ad alta risoluzione, mentre la musica scorre.

E stavolta il concerto di Baglioni, almeno nella prima parte, non è una sfilata di grandi successi, ma una rigorosa ricostruzione dove i temi conosciuti sono pochi, sparpagliati fra interludi, intermezzi, raccordi canzoni che si fondono. Solo alla fine Claudio si concede nel suo lato più popolare e famoso in una sorta di finale a richiesta in cui il pubblico viene chiamato a scegliere nel suo grandissimo songbook i pezzi preferiti e più conosciuti. Un modo per chiudere in bellezza dopo una così lunga cavalcata musicale.

Share

Annunci

Baglioni, il suo grande «ConcertOpera» a Napoli

Fonte: “Notiziario Italiano – Campania

NAPOLI – E’ stato uno show multimediale, durato circa tre ore, quello che ha tenuto ieri sera (ndr, 16 dicembre 2009) Claudio Baglioni al Palapartenope di Napoli. Tutti in piedi, commossi, tutti a gridare il suo nome.. CLAUDIO..CLAUDIO… rapiti dalle immagini e dalla musica meravigliosa di questo «ConcertOpera». Dopo il libro e il film, anche questo tour fa parte del progetto artistico «Q.P.G.A.» dedicato al disco cult «Questo piccolo grande amore» uscito nel 1972. Una grande musica con nuovi arrangiamenti, nuove ambientazioni, nuove sonorità e l’aggiunta di brani ricomposti e di pezzi inediti perchè non inseriti nell’album del ‘72. Un maxishermo ha mostrato per tutto il tempo le immagini, firmate Duccio Forzano, sincronizzate con i temi e i tempi delle canzoni. Ma la cosa che ha lasciato tutti sorpresi sono state le voci fuori campo dei settanta big della mu¬sica italiana che hanno contribuito alla realizzazione di questo disco: il primo è stato Bocelli per poi passare a tutti gli altri grandi (raffigurati da uno stralcio di carta con il loro autografo) quali Ornella Vanoni («Fiore de sale»), Laura Pausini («Tutto l’amore che posso»), Giorgia («L’appuntamento»), Bennato, Cocciante, Jova¬notti, Bocelli, Fossati, Mannoia, Morandi, Battiato, Neri per Caso, Paola Cortellesi, Gianni Morandi, Elio e Le storie Tese, Giusy Ferreri, Dolce Nera, Luca Barbarossa, Neri Marcorè, Renzo Arbore, meraviglioso assolo di chitarra di Pino Daniele, di piano di Giovanni Allegri…e su tutti … la regina incontrastata Mina ..che ha lasciato tutti a bocca aperta.

Baglioni, il suo grande «ConcertOpera» a Napoli

Un’emozione dietro l’altra, un susseguirsi di pianti, canzoni urlate…”e stonate contro il cielo lassù” (come canta Baglioni) accompagnate sul palco da: Paolo Gianolio, John Giblin, Roberto Pagani, Stefano Pisetta e Pio Spiriti. Bravissimi nell’affiancare, all’interpretazione integrale di Q.P.G.A., nuove edizioni live di tanti altri “piccoli grandi amori”. E’ stato un tripudio di tutte le più belle e storiche canzoni d’amore dello straordinario repertorio del musicista. Il pubblico accorso allo show ieri ha potuto interagire con esso scegliendo la sua canzone preferita che sarà poi pro¬posta nei Bis. All’entrata c’era infatti «il muro QPGA», do¬ve era possibile scrivere i successi dell’artista che volevano ascoltare. Q co¬me quaderno, P come pellicola, G come Giro di concerti, l’A di album. «Sono le quattro anime che compongono questo proget¬to – racconta il cantautore – quattro lettere come quattro sono stati gli anni di gestazione di quella che a San Remo, è stata votata come la ‘canzone del secolo’. Diciamo che è un ‘quadrigetto’. Sono passati quarant’anni anni da quan¬do, appena diciottenne, iniziai a scrivere ‘Questo piccolo grande amore’. Questo progetto multimediale è ispirato a quel disco in cui provai a raccontare la storia del primo grande amore, quello che non dura tutta la vita, ma la cam¬bia, per sempre». Un concept album? Un musical? «E’ un’opera moderna che chiude questa tetralogia. Ora ai fan di Baglioni non resta che attendere il mese di febbraio …quando uscirà il film “Q.P.G.A.”. Nel frattempo ancora oggi si canticchia…. << Tu…sei il senso che ho di me quello che fui insieme a tetra la gente e il mondo Tu.. sei in cima e in fondo tu per prima tu e niente più niente dopo e prima>>

Share

Baglioni, 4 date “multimediali” per Napoli

Fonte: “Corriere del Mezzogiorno – Napoli

«ConcertOpera» è lo show che il cantautore romano terrà al Palapartenope fino al 18 dicembre

di Carmine Aymone

NAPOLI – «Sarà uno show multimediale, che durerà circa tre ore». Claudio Baglioni presenta il suo nuovo spettacolo «ConcertOpera» che sarà al Palapartenope da stasera 15 dicembre a ve­nerdì 18. Dopo il libro e il film, anche questo tour fa parte del progetto artistico «Q.P.G.A.» dedicato al disco cult «Questo piccolo grande amore» uscito nel 1972. Un maxishermo mostrerà le immagini firmate Duccio Forzano sincronizzate con i temi e i tempi delle canzoni. Fuori campo, si udiranno le voci dei settanta big della mu­sica italiana che hanno contribuito alla realizzazione del disco: Mina («L’arcobaleno»), Ornella Vanoni («Fiore de sale»), Laura Pausini («Tutto l’amore che posso»), Giorgia («L’appuntamento»). Ed ancora Bennato, Cocciante, Jova­notti, Bocelli, Fossati, Mannoia, Morandi, Battiato.

Q co­me quaderno, P come pellicola, G come Giro di concerti, l’A di album. «Sono le quattro anime che compongono questo proget­to – racconta il cantautore – , quattro lettere come quattro sono stati gli anni di gestazione di quella che a San Remo, è stata votata come la ‘canzone del secolo’. Diciamo che è un ‘quadrigetto’. Sono passati quarant’anni anni da quan­do, appena diciottenne, iniziai a scrivere ‘Questo piccolo grande amore’. Questo progetto multimediale è ispirato a quel disco in cui provai a raccontare la storia del primo grande amore, quello che non dura tutta la vita, ma la cam­bia, per sempre». Un concept album? Un musical? «E’ un’opera moderna che chiude questa tetralogia». Ad accompagnare Baglioni sul palco: Paolo Gianolio, John Giblin, Roberto Pagani, Stefano Pisetta e Pio Spiriti. Il pubblico che accorrerà allo show potrà interagire con esso scegliendo la sua canzone preferita che sarà poi pro­posta nei Bis. All’entrata troveranno «il muro QPGA», do­ve potranno scrivere i successi dell’artista che vorrebbero ascoltare.

Share

Esperimento Baglioni una “ConcertOpera”

Fonte: “La Stampa

LA NUOVA TOURNÉE
Cinquantadue brani molti poco conosciuti ma con grandi duetti

di Luca Dondoni

MILANO – Sabato al teatro degli Arcimboldi di Milano si è consumata la prima data del nuovo tour di Claudio Baglioni. Padova, Napoli, Firenze, Roma, Bologna sono le prossime città che potranno godere di questo spettacolo unico, specialmente per chi ha già assistito ai precedenti show del cantautore romano.

Questa volta infatti Baglioni presenta un’opera inedita e, insieme, un esperimento live come non si è mai visto prima d’ora. Usando le parole dell’autore, questo viaggio musicale è una «ConcertOpera»: in 160 minuti, con le esecuzioni fuori campo di 70 grandi del «made in Italy», si ascoltano le 52 canzoni che fanno parte della tetralogia Questo Piccolo Grande Amore (libro, film e doppio giro di concerti). L’impianto scenico è piuttosto scarno, proprio per lasciar spazio alle canzoni e alle emozioni. Così, dietro le spalle di Baglioni c’è un grande schermo sul quale scorrono le immagini, ora in movimento, ora in freeze-frame, dei momenti salienti del film. Seduti dietro agli schremi tv ad alta risoluzione da 52 pollici, Paolo Gianolio, John Giblin, Roberto Pagani, Stefano Pisetta e Pio Spiriti accompagnano l’artista in un lungo, forse in qualche caso troppo lungo, viaggio fra amore e ricordi, filarini e tradimenti, bisbocce e corse sulla spiaggia.

Dunque, servono istruzioni per lo spettatore-fan, e magari pure fan scalmanato, che si aspetta la solita scarica di evergreen, magari uno in fila all’altro. Non è così, anzi per due ore le sole strofe di Amore bello fanno da contrappunto (ma cantate per qualche manciata di secondi da Mina, Fossati, Morandi eccetera) a brani per lo più sconosciuti di una discografia infinita. Preparatevi. Anche questa è una faccia del Claudio Baglioni che amate.

Share

Claudio Baglioni fa rivivere quarant’ anni di carriera

Fonte: “Corriere della sera

PALALOTTOMATICA – Farà tappa da stasera fino a venerdì al Palalottomatica il nuovo tour di Claudio Baglioni «Tutti qui». Partito lo scorso 3 novembre da Caserta, il tour ha già toccato i palasport delle maggiori città italiane per oltre 20 date dove ha registrato il tutto esaurito. Tre ore di musica dal vivo, con una selezione tratta dalle due raccolte «Tutti qui» e «Gli altri, tutti qui», due cd tripli che hanno scalato, contemporaneamente, le classifiche dei dischi più venduti. Sul palco rivivranno quarant’ anni di carriera di Baglioni, in uno show nel quale alcuni brani vivranno del fascino delle edizioni originali. Sul palco insieme a Baglioni: Paolo Gianolio (conduzione musicale. Chitarre, violoncello, sax baritono, cori), John Giblin (basso, contrabbasso, chitarra), Stefano Pisetta (batteria, Virtual drum, percussioni, chitarra), Roberto Pagani (pianoforte, tastiere, vibrafono, clarino, sax contralto, fisarmonica, banjo, viola, chitarra, cori) e Pio Spiriti (violino, tastiere, fisarmonica, melodica, chitarra, cori). Per informazioni tel. 02.4805731.

Share