Claudio Baglioni con Lucio Dalla a “Due”?

Fonte: “Leggo

di Georgia Passuello

VERONA – La neve, le vacanze e l’Epifania che tutte le feste porta via, hanno spazzato via anche il nuovo format dai palinsesti di Raidue, Due – l’emozione raddoppia. Lo spettacolo registrato al Camploy che ha debuttato l’8 dicembre con Laura Pausini e Tiziano Ferro è fermo al numero uno.
Ma si tratta solo di uno stand-by: i duetti tra le star delle musica italiana tornano a marzo.
L’ideatore del programma Gianmarco Mazzi aveva annunicato che altre due serate dovevano andare in onda il 15 e 22 dicembre. Programma cancellato? Impossibile, dopo gli ascolti record fatti da Pausini e Ferro. E’ soltanto stato tutto rinviato di tre mesi, per trovare altre quattro star capaci di avere sul palco un affiatamento unico. Ed è già scattato il toto cast con Renato Zero e Gianna Nannini in testa, seguiti da Lucio Dalla e Claudio Baglioni: i fanclub si tentano pronti.

Share

Annunci

Capodanno, grande festa nell’isola

Fonte: “L’Unione Sarda

Concerti con le stelle della musica
Feste di Capodanno stanotte in tutta la Sardegna con fuochi d’artificio e le star della musica: Claudio Baglioni a Cagliari, Laura Pausini a Olbia, Raf a Castelsardo, Alex Britti ed Edoardo Bennato ad Alghero, Almamegretta a Sassari.

L’appuntamento è per le 22,45. Sul palco allestito tra via Roma e largo Carlo Felice salirà Claudio Baglioni, protagonista principale di quello che almeno sino al 2011 si chiamerà “Medi.terra, festival di teatro, musica e danza del Mediterraneo”.

Il cantautore romano suonerà assieme ai suoi cinque musicisti sino a pochi minuti prima della fine del 2009. Alle 23,55 interromperà il concerto, brinderà con il pubblico e lascerà spazio allo spettacolo pirotecnico.

FUOCHI D’ARTIFICIO A mezzanotte in punto da un pontile mobile sistemato di fronte alla ex stazione marittima del porto saranno sparati 800 fuochi d’artificio, circa 250 chili di materiale attivo esplosivo. A produrre lo spettacolo è un gruppo storico che da anni allestisce questo tipo di manifestazioni per il Papa. Nella circostanza si avvarrà della collaborazione del pirotecnico sardo Giorgio Oliva.

DOPO IL BRINDISI Baglioni riprenderà a suonare a mezzanotte e un quarto per un’altra mezz’ora. Poi, all’una meno un quarto salirà sul palco l’Orchestra di Piazza Vittorio, l’ensemble di 16 musicisti provenienti da undici paesi, nato da un’idea di Mario Tronco, componente della Piccola Orchestra Avion Travel, e del documentarista Agostino Ferrente. È certo che Baglioni e l’Orchestra di Piazza Vittorio faranno almeno un brano insieme.

CURIOSITÀ Dalle torri sistemate ai lati del palco di 27 metri per 16 (sotto ha 20 tonnellate di zavorra) saranno diffusi 160 mila watt di potenza audio. Altri 20 mila arriveranno dalle casse poggiate sulle dalle torri di supporto. Il palco e il pubblico saranno illuminati da 170 proiettori che garantiranno 156 chilowatt. Per assicurare la riuscita dello spettacolo lavoreranno 50 tra tecnici e addetti vari.

ATTESE 30 MILA PERSONE Secondo una stima della Polizia municipale, il cantautore romano suonerà davanti a «25-30 mila persone», sulle quali vigilerà una task force di 120 agenti della Polizia municipale. In piazza sono attesi migliaia di turisti che nei giorni scorsi sono arrivati a Cagliari con voli Ryanair da Madrid, Barcellona, Monaco, Londra, Parigi, città dove gli organizzatori della Event group hanno fatto attività promozionale nelle scorse settimane.

Share

Leggi il seguito di questo post »

Aspettando il 2010 in concerto

Fonte: “Giornale Radio Rai

di Carlotta Tedeschi

ROMA 31/12/09 – 13:22
La notte di San Silvestro promette tanta musica per chi vuole accogliere il 2010 cantando e ballando. Stanotte in ogni angolo ed ogni piazza della nostra penisola si potranno ascoltare concerti piccoli e grandi, da quello tradizionale a Roma con Antonello Venditti e gli Zero Assoluto ai Fori Imperiali, al gemellaggio tra Bologna e Firenze con Irene Grandi, Lucio Dalla, i Negrita e gli Stadio intenti in una staffetta ferroviaria tra le due città, dal converto di Tiziano Ferro a Salerno, a quello maratona di Claudio Baglioni a Cagliari.

Ascolta>>>

Share

Capodanno musicale: Pausini, D’Alessio, Ferro e Zero Assoluto

Fonte: “La Voce

Gli eventi della notte di S.Silvestro

di Vincenzo Malara

Bologna e Firenze si “passeranno” gli artisti in un gemellaggio tra piazze. Tra gli altri Negrita e Lucio Dalla

Roma – Tiziano Ferro, Laura Pausini, Lucio Dalla, Gigi D’Alessio, Zero Assoluto, sono solo alcuni dei big della musica che daranno vita alle notti del 31 dicembre in giro per le piazze italiane. Un Capodanno così non si vedeva da tempo e le star della musica non si sono risparmiate per accompagnare il proprio pubblico verso il 2010.

Gli Zero Assoluto e Antonello Venditti saluteranno il pubblico romano dai Fori Imperiali. Chi si troverà a Salerno potrà gustarsi Tiziano Ferro in Piazza della Libertà. A Olbia farà tappa Laura Pausini con il suo tour mondiale e a Avellino, in corso Vittorio Emanuele, arriverà Gigi D’Alessio con le sue canzoni più famose.

Pino Daniele sarà alla Maddalena in Piazza Umberto I con il suo Electric Jam tour e Claudio Baglioni sarà a Cagliari in Via Roma. Bologna e Firenze hanno scelto invece un “gemellaggio” e nelle rispettive piazze si esibiranno in contemporanea artisti del calibro dei Negrita, Lucio Dalla, Irene Grandi e gli Stadio che faranno staffetta da una città all’altra grazie ai treni dell’Alta Velocità.

Per chi si troverà a Rimini o per chi vorrà sintonizzarsi sulle reti televisive ci sarà “L’anno che verrà” in diretta da piazza Fellini con esibizioni di Massimo Ranieri, Max Pezzali, Malika Ayane, Little Tony, Luisa Corna e Linda.

Share

Tutti in piazza per Capodanno 2010

Fonte: “Adnkronos/Ign

Da Aosta a Cosenza, da Venezia a Roma

Roma, 30 dic. (Adnkronos/Ign) – Venditti a Roma, Baglioni a Cagliari e Arbore a Napoli. Sono solo alcuni degli artisti che si alterneranno sui palchi delle principali città italiane per intrattenere tutti coloro che decideranno di trascorrere la notte di San Silvestro in piazza.

AOSTA – Concerto e brindisi di inizio anno in piazza Chanoux. Appuntamento dalle 22.30 per il Treina Dance: una grande festa al suono degli evergreen anni ’60, ’70 e ’80, fino alla musica dei giorni nostri, con band valdostane (Tzin Aill, Carisma, Nuova Officina, Galattica). Conduce Giovanni Cacioppo.

VENEZIA – Anche quest’anno viene riproposto il format ‘Love 2010’ anche se all’insegna, ha spiegato il sindaco Massimo Cacciari, di una ”gioiosa sobrietà” dettata dall’attuale situazione economica. In Piazza San Marco, a partire dalle 22, Dj Maci e il Principe Maurice intratterranno il pubblico da una torre. Dopo il countdown di benvenuto al 2010, lo spettacolo pirotecnico in Bacino San Marco.

In Piazza Ferretto a Mestre invece ci saranno Dj Gianfranco Picello, il cabaret dei Cafè Sconcerto e il concerto degli Ska J. Novità di quest’anno i particolari effetti di luce che illumineranno l’arrivo del nuovo anno. Non mancherà infine, la mattina del primo gennaio, il tradizionale bagno degli ibernisti al Lido.

VERONA – Per la notte di San Silvestro il Comune organizza lo spettacolo di San Silvestro in piazza Bra. Alle 21.30 musica d’intrattenimento con il gruppo emergente Fuori Registro; alle 22 l’evento, condotto da Federica Andreoli, proseguirà con lo spettacolo del corpo di ballo The Gamblers seguito dalle esibizioni del chitarrista Luca Olivieri insieme alla TC Band e del comico Roberto Valentino. Ospiti d’onore della serata i Ricchi e Poveri. Alle 23.55 inizierà il conto alla rovescia fino alla mezzanotte, seguito da uno spettacolo pirotecnico, dagli auguri del sindaco Flavio Tosi e dall’esibizione dei cantanti veronesi Susanna Gecchele e Filippo Perbellini. Chiuderanno la serata la TC Band e le ballerine dei The Gamblers.

MILANO – Nel capoluogo lombardo, segnala il Comune di Milano, si potrà salutare il nuovo anno immersi nell’arte, gratuitamente, negli spazi espositivi della Triennale Bovisa, eccezionalmente aperta fino all’1.00 del 1° gennaio 2010. Presso la Sala Conferenze e il Bistrot si potrà inoltre ballare con la musica selezionata dai dj di Radio Deejay. Nella Chiesa di San Marco si terrà il Concerto – Georg Friedrich Haendel.

TORINO – Musica, spettacoli e fuochi d’artificio a piazza Vittorio, dove Città di Torino e regione Piemonte, hanno programmato un palinstesto che prenderà il via alle 21.30 e proseguirà fino alle 2.30. A salire per prima sul grande palco allestito nella piazza sarà la Banda di Piazza Caricamento. Si passerà poi alle sonorità italo-etiopi di Saba e, dopo una piccola pausa, sarà il momento di Juliette Lewis and The New Romantiques. Allo scoccare della mezzanotte, sul palco, a brindare con i torinesi ci saranno anche il sindaco Sergio Chiamparino e la presidente della Regione Mercedes Bresso. Quindi 20 minuti di fuochi d’artificio e l’accensione del logo di Torino Capitale Europea dei giovani 2010. Balli e musica proseguiranno poi con Dj set Piemonte Groove, Dj 2562 e Groove Armada.

MODENA – Appuntamento in piazza Grande il 31 dicembre a partire dalle 22 (ingresso libero) per il concerto ‘Baci e abbracci a mezzanotte’. Sul palcoscenico cantanti, cori gospel e gruppi blues.

RIMINI – Per il settimo anno consecutivo Rimini è stata scelta come la piazza italiana che ospiterà la grande festa di Capodanno trasmessa in diretta su Raiuno per la notte di San Silvestro. ‘L’anno che verrà’ sarà condotta da Fabrizio Frizzi. Ci saranno, tra gli altri, Massimo Ranieri, Max Pezzali e Malika Ayane.

FIRENZE – Quattro concerti in altrettante piazze della città e ‘gemellaggio’ con Bologna. E’ il capodanno proposto dall’Amministrazione comunale di Firenze. L’evento più grande è previsto davanti alla stazione di Santa Maria Novella. Qui si svolgerà un concerto dalle 9 all’1.30 di notte presentato da Martina Stella e Federico Russo, con artisti ‘a metà’ con Bologna. Comincia Lucio Dalla, mentre a Bologna ci saranno i Negrita. Si prosegue, nel capoluogo toscano, con Irene Grandi e in quello emiliano con gli Stadio. Gran finale, a mezzanotte, con i Negrita che arriveranno a Firenze e contemporaneamente con Dalla che festeggerà a Bologna. Per chi vorrà alternarsi nella due città, ci sono appositi coupon (400) per un treno speciale: saranno in distribuzione, fino ad esaurimento, nell’apposito info point allestito in piazza della Repubblica anche oggi dalle 12 alle 20. La partenza per Bologna sarà alle 22, il ritorno dal capoluogo emiliano alle 2.30.

In piazza della Signoria si svolgerà il tradizionale concerto di musica classica dalle 23.15. In piazza Santissima Annunziata, Riccardo Marasco presenterà un repertorio di canzoni fiorentine (dalle 22.30); in piazza del Duomo spazio invece alla Banda Improvvisa: sonorità funky, ma anche jazz e world music. Per chi preferisce un San Silvestro più tranquillo, con le famiglie, ci sarà l’apertura straordinaria della nuova Biblioteca dell’Isolotto, con libri, musica e brindisi per tutti. Tutti gli eventi sono gratuiti. Le informazioni sul sito www.capodanno2010firenze.it

ROMA – La capitale saluterà il nuovo anno con il concerto del cantautore romano Antonello Venditti in via dei Fori Imperiali. Lo spettacolo prenderà il via il 31 dicembre alle 22, a condurre la serata Cristina Chiabotto. Il primo a salire sul palco sarà il duo romano degli Zero Assoluto. Alle 23.30 il concerto di Venditti, cantante simbolo della città di Roma, che proporrà brani dal suo ultimo album ‘Dalla pelle al cuore’ e una carrellata dei suoi maggiori successi.

Sarà possibile salutare il nuovo anno anche a Villa Celimontana con il concerto di Sarah Jane Morris. Il X municipio festeggerà con i concerti di Brusco e dei 99 posse che si esibiranno sul palco di Cinecittà Campus in via Lamaro.

CAGLIARI – Grande festa in via Roma con Claudio Baglioni dalle 22.45. A mezzanotte i fuochi d’artificio per proseguire con la musica del cantautore romano fino alle 0.45 quando sul palco salirà l’Orchestra di Piazza Vittorio.

NAPOLI – Appuntamento alle 23.00 in Piazza del Plebiscito con Renzo Arbore e la sua Orchestra Italiana. Dopo il concerto, alle 2.00, i fuochi al Castel dell’Ovo e, a mezzogiorno, di nuovo in Piazza del Plebiscito per il Concerto di Capodanno della nuova Orchestra Scarlatti.

SALERNO – Tiziano Ferro sarà il protagonista del Capodanno in piazza organizzato dal comune di Salerno. L’appuntamento è alle ore 21.30 di giovedì 31 dicembre in piazza della Libertà. Allo scoccare della mezzanotte messaggio e brindisi augurale del sindaco di Salerno Vincenzo De Luca con spettacolo di fuochi pirotecnici a mare. Alle 0.30 la festa continua con l’esibizione della band Motel Connection.

AVELLINO – Sarà Alessandra Amoroso, vincitrice lo scorso anno di Amici, ad aprire il concerto di Capodanno ad Avellino. L’evento promosso dal comune vedrà inoltre la partecipazione del cantautore Gigi D’Alessio e di Valeria Marini, madrina della serata. La manifestazione inizierà alle 22.30.

COSENZA – Sarà la musica della Pfm (Premiata Forneria Marconi) ad accompagnare la città di Cosenza nel passaggio dal 2009 all’anno nuovo. Nella notte di San Silvestro la band si esibirà sul palco allestito come di consueto nella centralissima piazza dei Bruzi (sede del Municipio). I Sabatum Quartet e il dj Pj Master apriranno e chiuderanno il Concerto di Capodanno.

Share

Tiziano Ferro, Pino Daniele, Venditti

Fonte: “Repubblica

I concerti per la notte di San Silvestro
In giro per l’Italia anche Raf, Luca Carboni, Claudio Baglioni, Renzo Arbore
Sul palco gli Harlem Gospel Choir e Attenti a quei due con Barbarossa e Marcorè

di Raffaella Mercolella

ROMA – Capodanno in piazza per Tiziano Ferro: giovedì 31 dicembre a Salerno, in piazza della Libertà (infoline Comune 089/666641).

Festa romana per Antonello Venditti che presenterà al pubblico una performance costruita sui brani storici e le canzoni dell’album Dalla pelle al cuore. Ad aprire la serata saranno gli Zero Assoluto . L’appuntamento è giovedì 31 dicembre al Colosseo, in via dei Fori Imperiali (infoline 060608), evento gratuito.

Il Live world tour di Laura Pausini farà tappa giovedì 31 dicembre a Olbia, molo Brin (infoline Comune 0789/52000), evento gratuito.

L’Electric Jam di Pino Daniele passerà giovedì 31 dicembre per La Maddalena (Olbia Tempio), in piazza Umberto I (infoline Comune 0789/735067).

Gigi D’Alessio in concerto con il repertorio di successi e i brani tratti dall’album 6 come sei: il 31 dicembre ad Avellino, in corso Vittorio Emanuele (infoline Comune 0825/2001), evento gratuito.

Torna il classico appuntamento con L’anno che verrà. In diretta televisiva dal palco di piazzale Fellini a Rimini, si esibiranno tra gli altri Massimo Ranieri, Max Pezzali, Malika Ayane, Little Tony, Luisa Corna e Linda. L’appuntamento è giovedì 31 dicembre dalle ore 21 a Rimini, in piazza Fellini (infoline Comune 0541/704287-53399), evento gratuito.

Un Capodanno per due è la staffetta live che si svolgerà a Bologna e Firenze in contemporanea. Le due città, unite dalla linea ferroviaria Alta Velocità di Trenitalia, si divideranno gli artisti in scena. Ad aprire sarà Firenze dove, in piazza Stazione, si esibiranno Lucio Dalla, Irene Grandi e i Negrita. Nel frattempo anche piazza Maggiore a Bologna si animerà con la musica dei Negrita, degli Stadio e di Lucio Dalla che chiuderà la serata (infoline Comune di Bologna 051/203040. Infoline Comune di Firenze 055/2769644).

Il Musiche Ribelli tour di Luca Carboni farà tappa giovedì 31 dicembre a Nocera Inferiore (Salerno), in piazza Degli Eventi (infoline Comune 081/3235111, infoline pro loco 081/5177510), evento gratuito.

Claudio Baglioni continua a presentare il progetto Q.P.G.A. ConcertOpera fino mercoledì 30 dicembre all’Auditorium Parco della Musica di Roma, in viale Pietro De Coubertin n.30 (infoline 06/80241281, biglietteria 892982); giovedì 31 dicembre a Cagliari, in via Roma (infoline Comune 070/6771) (sul palco l’Orchestra di Piazza Vittorio). Informazioni e prevendite TicketOne.

Share

Leggi il seguito di questo post »

Dopo il sisma, Jovanotti & co insieme per ricostruire il “domani”

Fonte: “Ffwebmagazine

La canzone dell’anno

di Rosalinda Cappello

Domani 21/04.09. È questa per noi la canzone dell’anno, perché è stata come un miracolo e per il significato che rappresenta. Un miracolo perché è riuscita a raccogliere 56 cantanti italiani, per la maggior parte grossi nomi del nostro panorama musicale, e li ha fatti ritrovare, sembrare, sentire uniti, anche quelli che da un decennio non si parlavano più. Un miracolo perché è riuscita a far convivere interpreti di stili e generazioni diverse, dai Baustelle ad Albano Carrisi, passando per Fabri Fibra e gli Elio e le Storie tese. E poi, Claudio Baglioni, Franco Battiato, Lorenzo Cherubini, Tiziano Ferro, Elisa, Luciano Ligabue, Gianna Nannini, Laura Pausini, Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, Antonello Venditti, Zucchero. C’erano quasi tutti i grandi. Quasi tutti. Ma di quelli che non c’erano non diremo. Un miracolo perché 56 voci diverse avevano a disposizione soltanto 30 versi e, come si sa le star tendono a non accontentarsi di piccole cose. E, invece, questa volta no. Tutti hanno messo a disposizione il proprio nome e le proprie corde vocali anche solo per alcune parole. Un miracolo perché la canzone che ne è venuta fuori – composta di getto da Mauro Pagani, ex Pfm e oggi produttore di successo – è un crescendo di emozioni. Il testo è un susseguirsi di immagini che ci riportano a quel groviglio di impressioni dal quale l’Italia è stata avvinta all’indomani dell’implacabile sisma che in Abruzzo, nella notte tra il 5 e 6 aprile, ha sospeso per sempre la vita di 307 persone. Stati generali della musica, Live aid italiano… L’hanno chiamata così questa reunion. Jovanotti – che con Giuliano Sangiorgi dei Negramaro ha concepito l’idea di un evento di questa portata – presentando l’iniziativa, ha parlato di “arco costituzionale della musica italiana” schierato per un gesto di solidarietà ed è questo l’altro motivo che ci ha portato a scegliere proprio questa come canzone dell’anno. Un gesto simbolico, naturalmente, ma anche la volontà di dare un contributo – con il loro mestiere di cantanti – alla macchina che si è messa in moto fin dai minuti successivi alla terribile scossa delle 3.32 del mattino di quel giorno di primavera. E così il 21 aprile – da qui il titolo – sono entrati in sala di registrazione a Milano e in una maratona di 24 ore hanno messo insieme questo lavoro, allo scopo di raccogliere i fondi per le operazioni di ricostruzione, consolidamento e restauro del Conservatorio “Alfredo Casella” e della sede del Teatro Stabile d’Abruzzo dell’Aquila. È bastato un veloce giro di telefonate tra colleghi, senza le intermediazioni e le complicazioni di segreterie e uffici stampa, e un giorno soltanto per realizzare una canzone gradevole, partecipata, coinvolgente, in onda in tutte le radio italiane a un mese esatto dal sisma. Una grande fetta dell’attuale panorama musicale italiano ha messo in campo uno sforzo simile a una maratona per contribuire, a modo suo, a realizzare qualcosa che somigliasse, anche solo alla lontana, alla fatica dei soccorritori che hanno scavato per ore e ore tra le macerie per salvare fino all’ultima vita che poteva essere strappata alla morte. Una mossa che ha sfidato anche il rischio di scadere nella retorica e nelle accuse di autopromozione che qualcuno avrebbe potuto rivolgere. «Non bastano le lacrime a impastare il calcestruzzo, eccoci qua, cittadini d’Abruzzo… Non siamo così soli a immaginare un nuovo giorno in Italia», cantavano nei sei minuti e trentadue secondi della canzone. E anche se quelle parole avessero potuto suonare retoriche, non importa perché anche la retorica può servire. Il filosofo siriano Libanio, nel quarto secolo dopo Cristo, ha fatto un elogio della retorica come strumento indispensabile della vita politica per la sua forza persuasiva, per la sua capacità di indurre gli uomini alla ricerca del bene e di condizionarne il comportamento con i vincoli della ragione. Ben venga, dunque, la retorica se indica la strada della solidarietà, la via sempre meno praticata del senso civico che, però, tragedie come quella abruzzese o quella più recente del messinese, rinvigoriscono, mettendo in luce l’altro volto del paese. Quello di uomini e donne che in silenzio e giorno dopo giorno si danno da fare con attività di volontariato che riempiono di significato le loro vite, dando un senso profondo e compiuto al loro essere cittadini.

Fosse sempre così, costruttiva, la retorica. E anche questi cinquantasei italiani ce lo hanno ricordato. Cantando.

Share